Home/Guide/Visura Catastale: ecco come averla in poco tempo

Visura Catastale: ecco come averla in poco tempo

In questo articolo spieghiamo nei dettagli cosa è la visura catastale, a cosa serve, quanti tipi di visura si possono ottenere e come si richiede.

Visura CatastaleLa visura catastale è un documento che riporta tutti i dati tecnici e le informazioni ottenute dalla consultazione degli atti e dei documenti registrati al catasto. I dati e le informazioni contenute nella visura riguardano terreni o fabbricati che hanno sede sul territorio italiano.

Tramite la visura catastale si possono ottenere in particolare le seguenti informazioni: dati su localizzazione e profilo reddituale di terreni e fabbricati; dati anagrafici sui proprietari di terreni e fabbricati; mappe catastali dei terreni e planimetrie delle abitazioni; documenti aggiornati delle registrazioni catastali.

 

Visura catastale: a cosa serve

La visura catastale serve principalmente a verificare se i dati riportati nel catasto sono corretti. Infatti, è molto importante che non ci siano errori perché è su questi dati che vengono calcolate le imposte sulla proprietà, ovvero Imu e Tasi.

Il dato catastale riportato nella visura fornisce gli elementi attraverso cui vengono calcolate la rendita dell’immobile e il reddito dominicale dei terreni. Per l’esattezza, nella visura appare, per un immobile, la rendita catastale mentre per un terreno, il reddito dominicale.

Se questi dati sono errati, anche il calcolo delle imposte sarà alterato: in caso di irregolarità si può richiedere la rettifica dei dati all’Agenzia delle Entrate. La visura catastale è necessaria anche quando si registra un contratto di locazione oppure quando si effettua la compravendita di un immobile.

Inoltre, anche le banche in genere richiedono una visura nel caso debbano concedere un mutuo. E’ doveroso sottolineare che la visura catastale è solamente un documento informativo e non ha valore legale in quanto non dimostra in alcun modo la proprietà dell’immobile in oggetto.

Infatti, gli intestatari di un immobile possono non essere corretti oppure possono cambiare nel tempo.

 

Visura catastale: chiave di lettura

La chiave di lettura della visura è l’elaborato planimetrico catastale che rappresenta graficamente i lavori eseguiti dai professionisti ed indica quindi la sagoma di un edificio, le aree comuni, la suddivisione delle zone scoperte e gli accessi ad ogni singola unità immobiliare.

Secondo una Circolare n. 9 del 26.11.2001 dell’Agenzia del Territorio l’elaborato planimetrico è un documento obbligatorio da includere nelle pagine comprendenti la visura da esibire nei seguenti casi:

  • denunce di unità in corso di costruzione qualunque sia il numero di unità immobiliari anche se non vi sono parti comuni;
  • denuncia di nuova costruzione quando si tratta presenti due o più unità immobiliari con porzioni e  dipendenze in comune;
  • denunce di variazione nel caso si costituiscono beni comuni censibili e beni comuni non censibili.

Non è invece necessario l’elaborato planimetrico circolare quando sono presenti solo corti di proprietà esclusiva di ogni singola unità immobiliare, che devono essere rappresentate solo nella relativa planimetria.

 

Tipologie di visura catastale

Le ricerche per una visura catastale possono essere di diversi tipi:

  • per immobile
  • per soggetto
  • per partita
  • storica


La ricerca per immobile si può effettuare quando si conosce l’indirizzo dell’immobile oppure la particella
catastale che corrisponde a un terreno o a un edificio.

La ricerca per soggetto è invece possibile farla quando si hanno a disposizione i dati anagrafici del proprietario dell’immobile.

Per effettuare la ricerca per partita bisogna indicare il numero identificativo dell’intestatario dei terreni o il numero identificativo dell’intestatario dei fabbricati.

Invece, con la ricerca storica si possono ottenere informazioni e dati più precisi sull’immobile includendo anche tutte le registrazioni a partire dal momento della costruzione fino alla data attuale.
La visura catastale storica contiene anche tutte le informazioni relative ai proprietari precedenti e le variazioni di qualsiasi natura che sono avvenute nel corso degli anni.

 

Visura catastale: come si richiede

La visura catastale si può richiedere in diversi modi a seconda se è il proprietario dell’immobile o del terreno a richiedere le informazioni o chi esercita diritti reali di godimento su di esso.

Innanzitutto, è possibile richiederla presso gli Uffici della Provincia. In questo caso, la richiesta è gratuita, mentre se a richiedere la visura non è il proprietario ma qualsiasi altra persona, il servizio è a pagamento e in genere al costo di 7 o 8 Euro.

I dati sono presenti nel database on line e possono essere forniti su documenti cartacei. Altri modi per richiedere la visura catastale sono:

  • Presso gli uffici del catasto istituiti nei Comuni, nelle Associazioni di Comuni, nei Gruppi di Comuni e nelle Comunità montane.
  • Presso uno “Sportello Amico” degli uffici postali, compilando il modulo di richiesta della visura catastale.
  • Sul nostro sito www.okvisure.com , nella sezione CATASTO puoi ottenere tutte le visure catastali che ti occorrono in maniera semplice e veloce con una minima spesa.
    Il vantaggio di questo servizio è quello di rendere fruibili i dati in pochi minuti e di poter salvare e successivamente stampare le visure inviate via email.

 


Visure catastali gratuite presso gli sportelli dell’Agenzia del Territorio

Dal 1 aprile 2014 i titolari di diritti reali, intestatari o proprietari, possono ottenere le visure catastali gratis e in tempo reale recandosi presso le sedi degli uffici provinciali del catasto, mentre accedendo al sito dell’Agenzia del Territorio possono avere accesso, sempre in forma gratuita, solo ad alcune informazioni catastali.

Quindi, attraverso la consultazione degli atti catastali è possibile ottenere dati identificativi di terreni e fabbricati, dati anagrafici delle persone, fisiche o giuridiche, intestatarie dei beni immobili, dati grafici dei terreni e delle unità immobiliari urbane e atti di aggiornamento catastale.

By | 2017-02-24T12:09:52+00:00 febbraio 22nd, 2017|Guide|0 Comments

Scrivi un commento