Home/Notizie/Come fare un passaggio di proprietà di un auto d’epoca

Come fare un passaggio di proprietà di un auto d’epoca

Auto-d_epocaVediamo in questo articolo i passaggi fondamentali per fare un passaggio di proprietà su un’auto d’epoca. Un veicolo storico può essere un acquisto voluto da molti per il suo valore intrinseco, e per il prestigio che alcune vetture assumono con il passare degli anni.

Qualche tempo fa abbiamo potuto recepire la notizia della creazione da parte dell’ACI (Automobile Club Italia) di un nuovo e più preciso gruppo ACI storico, che si sarebbe occupato di tutte le vetture di epoca passata. Un club destinato a tutti coloro che sono appassionati di automobili d’epoca, che con la sua creazione avrebbe finalmente dato rispolvero ad un settore fino a qualche anno fa visto solo come un opportunità di risparmio.

Fai una visura: controlla la tua auto d’epoca online ->

Nonostante gli sforzi, e gli investimenti fatti in questo senso dai tanti appassionati del settore automobilistico d’epoca, la notizia dell’innalzamento a 30 anni della soglia minima valida per certificare un auto d’epoca all’ASI (Automotoclub Storico Italiane) ha lasciato spiazzati molti possessori di auto d’epoca di prestigio, permettendo l’apertura di un mercato sregolato dove le valutazioni dei bolidi stessi ben presto potrebbero scendere in picchiata.

Il mercato delle auto d’epoca

Naturalmente si tratta di una questione che è ancora al centro di diversi dibattiti. C’è chi è contento di questi nuovi regolamenti inseriti nella Riforma di Stabilità, indicando come tale provvedimento alzerà la soglia di prestigio di tali vetture, e c’è chi invece pensa che sia del tutto deleterio e finirà per sopprimere il piccolo collezionista permettendo la svendita di modelli di valore.

Quale sia la conseguenza la vedremo solo nei prossimi mesi, ciò che è certo però, è che queste nuove leggi permetteranno una maggiore compravendita di macchine d’epoca in Italia ed all’estero, e quindi ci pare d’obbligo spiegare in pochi passaggi come effettuare un passaggio di proprietà di una vetture del genere.

Il passaggio di proprietà di una auto d’epoca

Una delle prime cose da verificare prima di fiondarsi sull’acquisto di un’auto che ci può sembrare un affare, è quella di verificare se la stessa abbia i requisiti necessari per essere considerata auto d’epoca. Dobbiamo fare riferimenti ai dati dell’ACI, e per farlo ci basterà effettuare una visura della sua targa.

Effettua la Visura Targa PRA online in 5 minuti ->

Tale visura è infatti il documento più sicuro dove potremo da subito riscontrare tutti i dati che riguardano il veicolo, tra cui l’eventuale data di fabbricazione (valida per l’iscrizione all’ASI). Una volta appurato che la vettura è maggiore ai “30 anni di età”, almeno legalmente, è possibile procedere con effettuare il passaggio di proprietàrecandosi ad una qualsiasi agenzia di pratiche auto, che vi guiderà negli step necessari.

Sebbene online si possono trovare guide che permettono di evitare l’Agenzia, e procedere con il fare da soli tali procedimenti burocratici, su OkVisure sconsigliamo questa politica. Anche se infatti vi farà risparmiare qualche Euro, (circa 30-40€) le carte da compilare e il tempo che dedicherete, a nostro giudizio, non vi permetteranno di recuperare il risparmio, ed in più, essere seguiti da professionisti in questi casi è sempre la scelta migliore.

Se comunque siete curiosi di capire come poter effettuare un passaggio di proprietà da soli, senza l’ausilio di un “tramite”, vi postiamo qui di seguito il link ad un articolo di 6sicuro, dove potrete rilevare e seguire tutti i passaggi necessari. L’unica differenza che dovrete calcolare sulla base dei costi elencati è quella relativa alla tassa IPT (Imposta Provinciale di Trascrizione) che per le auto d’epoca è fissa a 51,65€, mentre per le moto d’epoca è di 25,82€.

By | 2017-02-10T19:28:19+00:00 gennaio 5th, 2016|Notizie|0 Comments

Scrivi un commento